Palazzi 2018

L'ANNATA

Palazzi mostra il merlot al suo meglio, con frutta sontuosa e agile, bilanciato con un mineralità intensa. Tanti mesi in barriques nuove di rovere francese aggiungono strati di ricchezza e complessità, il vino reso raggiungibile e gradevole sin dall’inizio.

Dopo la torrida estate 2017, abbiamo accolto nella valle temperature più fresche e regolari per il 2018. Approcciandoci alla fine di Agosto, osservavamo grappoli più grandi del solito, non molto dolci per il periodo e con una morbidezza insolita. A causa delle temperature più fresche, le vigne sono riuscite a maturare il frutto e i tannini in anticipo; tutto questo solitamente avviene molto più tardi a causa della calura di agosto. Le bucce, sottilissime, erano incredibilmente avanti con il colore – macchiavano anche le dita! Generalmente tutto questo accade a metà Ottobre. Enigmatico al momento, ma affascinante.
Durante gli ultimi giorni d’estate eravamo confusi dall’argento della luna nuova. Dal 21 si è presentata un’improvvisa densità nel merlot: il segnale astronomico che aspettavamo. L’uva si presentava scura e morbida e abbiamo cominciato raccogliendo 20 tonnellate di merlot in un giorno. Il succo aveva un basso tenore alcolico, alta acidità, ricco nel gusto – un merlot complesso che ricorda quello di Saint-Emilion. Abbiamo cominciato prima del solito, con due grandi raccolte finali completando il 23. Questa annata sarà singolare.

RECENSIONI

Monica Larner, Wine Advocate, 97 points

Othmar Kiem – Simon Staffler, Falstaff, 96 points

Antonio Galloni, Vinous, 94 points

Join our Newsletter

Please tell us if you are Private, Trade or Media, thanks!

Vini Franchetti